tè verde asiatico, teiera e tazzine

Tutto quello che c’è da sapere sul tè verde

Che esistano varie tipologie di tè lo sappiamo tutti, e che il tè verde sia una delle più ricche di varietà anche. Ma, precisamente, cos’è il tè verde? Quanta caffeina contiene? Quanti tipi ne esistono, soprattutto in Cina e in Giappone?

Proviamo a scoprirlo insieme

Cos’è il tè verde?

Il tè verde è ampiamente pubblicizzato per i suoi benefici per la salute, e fin qui niente di nuovo. Il tè verde è stato infatti consumato per la prima volta come erba medicinale in Cina oltre 4.000 anni fa. Il tè probabilmente si diffuse in Giappone intorno all’XI secolo, portato a casa dai monaci buddisti che avevano studiato in Cina. In seguito si diffuse anche in altre parti dell’Asia e del mondo occidentale.

Come tutte le varietà di tè, il tè verde proviene da un arbusto chiamato Camellia sinensis. L’aroma, il gusto e il colore delle diverse varietà di tè verde possono dipendere dalle specie di Camelia o (più spesso) dai metodi di coltivazione, raccolta e lavorazione. Il tè verde viene lavorato meno del tè nero, e quindi ha un colore più fresco e luminoso.

Nelle regioni temperate, le foglie di tè verde sono generalmente raccolte tre o quattro volte l’anno. Nelle zone tropicali, le foglie possono essere raccolte tutto l’anno. Dopo la spiumatura, le foglie vengono appassite e asciugate con vari metodi come l’essiccazione al sole, al forno, in padella e al vapore. Le foglie possono anche essere arrotolate o ritorte in forme diverse prima dell’essiccazione finale.

Varietà di tè verde

Ci sono centinaia di varietà di tè verde. Di seguito alcune delle più famose provenienti, provenienti in gran parte da Cina e Giappone. Il tè verde è coltivato anche in paesi come Taiwan, Corea, Sri Lanka e India.

Tè Verde Cinese

  • Biluochun o Pi Lo Chun (lumaca primaverile): Cresce vicino ad alberi da frutto, la foglia viene arrotolata fino a formare una spirale simile ad una lumaca. Presenta un aroma floreale e fruttato.
  • Chun Mee (Sopracciglio prezioso): Viene arrotolato in modo da somigliare ad un sopracciglio. Sapore fruttato, tendente al sapore di prugna.
  • Huangshan Maofeng (Pelliccia della Montagna Gialla): Fatto di germogli e foglie giovani, viene coltivato nell’area circostante la catena montuosa del Huangshan (Montagna Gialla). Sapore leggermente dolce.
  • Longjing: Foglie del primo raccolto, tostate in padella. Sapore morbido con aroma di castagna.
  • Lu’an Guapian (seme di melone): Ha foglie lavorate in modo da somigliare ai semi di melone. Corposo e leggermente dolce.
  • Xinyang Maojian (punta verde): Cime raccolte giovanissime, presenta punte argentate. Sapore delicato e dolce.
  • Gunpower (Zhu Cha): Si presenta in piccole palline che si srotolano in infusione. Robusto, dolce e leggermente affumicato.

Tè verde giapponese

  • Sencha: Preparato con foglie intere, essiccate al sole. Verde intenso e moderatamente amaro.
  • Kukicha: Prodotto con rametti e steli del tè anziché con foglie. Sapore leggermente di nocciola, dolce e a bassa astringenza.
  • Bancha: Raccolta tardiva che può comprendere steli e raspi. Più leggero e astringente del sencha.
  • Genmaicha: Sencha o bancha combinati con riso integrale tostato (genmai). Sapore di nocciola.
  • Gyokuro (rugiada di giada): Cresciuto all’ombra, raccolto a mano, e molto molto apprezzato. Dolce e morbido.
  • Houjicha: Bancha o sencha arrostiti con carbone di legna. Gusto di grano tostato con poca o nessuna astringenza.
  • Kabusecha: Sencha cresciuto all’ombra, ma per meno tempo rispetto al Gyokuro. Sapore leggermente dolce.
  • Konacha: Realizzato con polvere di sencha o gyokuro. Gusto delicato, viene spesso servito insieme al sushi.
  • Matcha: Coltivato all’ombra e solitamente finemente macinato. Sapore ricco. Può anche essere utilizzato in cucina per insaporire e dare colore. Leggi  Matcha e benefici per la salute se vuoi saperne di più.

Il tè verde contiene caffeina?

Anche se il tè verde in genere ha meno caffeina del tè nero, esistono delle eccezioni. Il contenuto di caffeina può infatti variare a seconda della varietà di pianta, dei metodi di lavorazione e di preparazione della bevanda. I tè cresciuti all’ombra e quelli a base di cime e gemme presentano generalmente livelli di caffeina più elevati. I tè a base di foglie mature, ramoscelli e steli hanno invece livelli di caffeina più bassi.

Condividi il tuo amore per il tè con il mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questi sono i tag HTML che puoi utilizzare

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>