cerimonia del tè in Giappone: stampa

La storia del tè in Giappone

Dove nasce il tè?

Si pensa che le prime piante di tè siano state coltivate nella provincia dello Yunnan, nel sud della Cina. Da lì si sono diffuse in altre parti dell’Asia che avevano i giusti tipi di condizioni pedoclimatiche. Si dice che l’usanza di bere il tè sia nata in Cina con l’imperatore Shen Nong. Considerato come un iconoclasta della medicina cinese, ha diffuso la pianta del tè a tutto il Paese intorno all’anno 2700 aC. Il classico sul tè cinese, Cha jing (Il Libro del Tè), scritto dallo studioso Lu Yu nel 760 dC, racconta gli sforzi di Shen Nongs per studiare l’efficacia medicinale di oltre trecento varietà di radici, erba e cortecce d’albero. La leggenda narra che abbia provato tutto personalmente per testarne gli effetti.

È praticamente certo che le foglie di tè siano state inizialmente utilizzate come medicina molto prima che il tè diventasse una bevanda popolare. In realtà, ci sono ancora alcune tribù di collina nel sud della Cina, Thailandia e Myanmar settentrionale che mangiano foglie di tè decapate, e solo in tempi recenti hanno cominciato ad utilizzarle per prepararne la famosa bevanda. Secondo Kouga, l’antico dizionario scritto durante la dinastia Later Han (25-220 d.C.), gli abitanti della provincia del Sichuan, nella Cina occidentale, compattavano le foglie cotte a vapore ottenendone una sorta di pastiglia (o mattone) per renderne più facile la trasformazione e il trasporto. Preparavano la bevanda insaporendo il tutto con zenzero o cipolla. Tuttavia, questo primo intruglio non può essere considerato una bevanda nel senso comune del termine, in quanto era principalmente destinato ad un uso medicinale.

Durante il periodo dei Tre Regni (221-65), la popolarità del tè ha visto una rapida crescita. Uno dei motivi è da ricercarsi nella diffusione della pratica del buddismo, che proprio in quegli anni guadagnava popolarità. Il buddismo vietava il consumo di alcol, portando come conseguenza ad un aumento della domanda di tè. Durante la dinastia Sui (581-618), l’usanza di bere il tè, precedentemente limitata all’aristocrazia e ai monaci buddisti, cominciò a diffondersi anche tra le altre classi sociali.

A metà dell’ottavo secolo sorsero le botteghe del tè, e il tè divenne gradualmente una bevanda di largo consumo (quanto meno nelle città). Fu in questo periodo che Lu Yu, proveniente dal centro di produzione del tè della provincia di Hubei, scrisse il suo trattato sul tè. Un trattato impressionante per la mole di informazioni riportate, che copre le origini, i metodi di coltivazione delle piante, i tipi di utensili utilizzati, i modi migliori per preparare e bere il tè, e racconti relativi al tè e la coltivazione del tè. Il suo ampio compendio di informazioni si estendeva su tre volumi. Il libro riscosse immediatamente una grande successo ed è ancora oggi considerato come una sorta di bibbia sul tè.

Storia del tè in Giappone

Il tè è arrivato in Giappone dalla Cina. Fu portato dai monaci buddisti giapponesi che accompagnavano i rappresentanti speciali inviati in Cina all’inizio del periodo di Heian (794-1185). Tra i monaci che si recavano in Cina c’erano Saicho (767-822), Kukai (774-835) ed Eichu (743-816). La prima testimonianza dell’abitudine di bere il tè in Giappone è apparso in Nihon koki (Note sul Giappone), scritto nel periodo Heian. Eichu, sacerdote del tempio di Bonshakuji a Omi, nella prefettura di Aichi, tornò in Cina nell’815. Il Nihon koki riporta che, quando l’imperatore Saga (regno, 809-23) visitò Omi, Eichu lo invitò nel suo tempio e gli servì sencha, suggerendo che bere tè era già diventato un passatempo molto di moda nei circoli intellettuali giapponesi. Allo stesso modo, Roun-shu, un’antologia di poesie cinesi scritte in giapponese nell’814, cita la degustazione del tè.

A quel tempo, il tè probabilmente arrivava in Giappone compresso in forme che somigliavano a pastiglie o mattoni, come descritto da Lu Yu. Il tè, compresso in questo modo, non solo era facile da trasportare, ma reggeva meglio il lungo viaggio dalla Cina. Le forme di tè compresso venivano prima riscaldate sulla fiamma e poi spezzate a mano o rasate con un coltello. I trucioli venivano macinati con un mortaio fino ad ottenerne una polvere che veniva mescolata all’acqua in un pentolone e poi servita in una ciotola.

L’imperatore Saga incoraggiò la diffusione del tè chiedendo alle province della regione di Kinki intorno a Kyoto di avviarne la coltivazione. Creò inoltre delle piantagioni di tè riservate alla corte in un distretto di Kyoto. Questo tè imperiale, tuttavia, trovò impiego soprattutto nei rituali dell’aristocrazia, in quanto la bevanda non era ancora diventata un alimento destinato al consumo della gente comune.

I giapponesi delle classi meno abbienti cominciarono a bere tè molto più tardi, dopo che Eisai (1141-1215), il fondatore della setta Rinzai del Buddismo Zen, riportò un nuovo tipo di piantine dalla Cina. Con esse venne introdotto un nuovo modo di bere il tè che era conosciuto come lo stile matcha. Eisai incoraggiò la coltivazione delle piante di tè, e il suo Kissa yojoki (benefici per la salute del tè) ha diffuso il tè in Giappone su larga scala.

Leggi Matcha e benefici per la salute per saperne di più.

Condividi il tuo amore per il tè con il mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questi sono i tag HTML che puoi utilizzare

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>