Genmaicha – Tè verde giapponese con riso tostato

Il Genmaicha ( 玄 米 茶 , tè di riso integrale) è un mix di tè verde giapponese e riso tostato. La miscela bilancia l’astringenza del tè verde con il sapore di nocciola del riso tostato.

Come è fatto il genmaicha?

Il Genmaicha è tradizionalmente fatto utilizzando il bancha . Tuttavia, al giorno d’oggi è possibile trovare Genmaicha preparato con diversi tè verdi, in particolare con sencha, houji e gyokuro.

Negli ultimi tempi sono stati lanciati sul mercato anche dei genmaicha preparati con il tè matcha, riconoscibili dal caratteristico colore verde della miscela.

Il riso tostato, chiamato genmai ( 玄 米 ), è generalmente miscelato con tè verde in proporzione 1:1, sebbene questo rapporto possa variare a seconda della ricetta seguita dal produttore.

Il Genmaicha è fatto con riso integrale?

Nonostante la parola Genmai sia traducibile con “riso integrale“, il Genmaicha viene in realtà prodotto quasi esclusivamente utilizzando riso bianco. Sembra, infatti, che il riso integrale tostato non abbia lo stesso profumo del riso bianco, oltre che un colore troppo scuro.

Il Genmaicha tradizionale è prodotto utilizzando riso mochi ( も ち 米), e quello prodotto con solo riso mochi è ancora oggi considerato quello di migliore qualità. Non è raro, tuttavia, trovare Genmaicha fatto con riso il giapponese comune, l’uruchimai ( う る ち 米 ). Entrambi i tipi di riso possono essere utilizzati miscelati.

Come viene preparato il riso tostato?

Il riso viene immerso nell’acqua per ammorbidirlo e quindi cotto a vapore.

Dopo la cottura, il riso viene asciugato (solitamente con aria calda) e quindi tostato. Una volta tostato, viene raffreddato e quindi miscelato al tè verde.

Il Genmaicha contiene spesso dei chicchi di riso soffiato (simili a dei popcorn). Questo è dovuto al fatto che, utilizzando il processo di tostatura tradizionale, il riso molto spesso scoppiava. Con i processi moderni di cottura e tostatura questo non avviene più, ma alcuni chicchi di riso soffiato vengono comunque aggiunti per rendere il tè più simile a quello tradizionale.

Storia del Genmaicha

Le origini del Genmaicha non sono certe. Una teoria vuole che il Genmaicha sia nato dall’intuizione di un uomo di Kyoto, che avendo a casa una torta di riso mochi avanzata dal capodanno giapponese, pensò di aggiungerne alcuni pezzi al suo tè verde. Un’altra teoria, invece, vede nel Genmaicha un’influenza coreana, dal momento che in Corea era molto comune una tisana di riso tostato.

Ad ogni modo, l’abitudine di aggiungere riso tostato al tè verde divenne molto popolare in Giappone principalmente per ragioni economiche (il tè verde non era alla portata di tutti). Le origini povere di questa bevanda spiegano anche l’utilizzo del bancha (meno pregiato e solitamente più economico del sencha) nella preparazione del Genmaicha.

Come preparare il Genmaicha

Il Genmaicha è tradizionalmente un tè di bassa qualità, e viene quindi infuso a temperature alte (al contrario di quanto avviene con tè verdi di più alta qualità, come il gyokuro).

Di seguito le indicazioni per la preparazione di questo tè verde.

  • Riscaldare l’acqua fino alla temperatura di ebollizione.
  • Mettere in infusione 3-4 grammi di Genmaicha per tazza.
  • Coprire il tè in infusione per mantenere il calore costante.
  • Lasciare in infusione per circa 30 secondi.
  • Versare poco alla volta (così come faresti con il caffè) in modo da avere un’intensità uniforme in tutte le tazzine.
Condividi il tuo amore per il tè con il mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questi sono i tag HTML che puoi utilizzare

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>